Si fa presto a dire sostenibilità

IMG_1344

di Rebecca Vilani e Lorenza Tabbia

Sostenibilità al lavoro, sostenibilità nella vita privata, sostenibilità a scuola… si usa spesso questo termine nella vita quotidiana, ma sappiamo veramente che cosa vuol dire? Durante la conferenza “ Si fa presto a dire sostenibilità”, al salone del libro del 10 Maggio 2024 a Torino, Chaty La Torre ha posto questa domanda al pubblico e ai colleghi. Per lei, sostenibilità indica tutto ciò che la terra può sopportare e che può continuare a sostenere, in termini di produzione, di inquinamento e di rilascio di gas serra. Per gli spettatori, invece, la sostenibilità consiste nell’utilizzo efficiente e rispettoso delle risorse quali: le materie prime, gli habitat naturali, l’energia e il lavoro umano. 

All’inizio della conferenza è stato proiettato un video sull’agenda 2030, un’agenda che impegna tutti i paesi a contribuire allo sforzo necessario e a portare il mondo su un sentiero sostenibile, senza più distinzione tra paesi sviluppati, emergenti e in via di sviluppo. Marco Frittella, ha condotto la conferenza insieme a Enrico Giovannini, direttore scientifico di ASVIS, alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile, Emilio Casalini, conduttore di “Generazione bellezza”, Chaty La Torre, influencer e avvocatessa, Simonetta Giordani, segretaria generale Civita, Adriana Mosca, responsabile brand strategy digital and sponsorship Iren e infine, Roberto Natale, direttore Rai per la sostenibilità. 

Emilio Casalini ha iniziato a parlare raccontando la sua trasmissione “Generazione bellezza” e dell’impatto che ha quest’ultima sulle persone, infatti, racconta le storie di coloro che hanno smesso di lamentarsi e si sono dati da fare raccontando belle notizie e trasmettendo i concetti di comunità. La trasmissione punta a unire persone diverse attraverso diversi temi, tra cui la sostenibilità, che serve a valorizzare i diversi territori creando la consapevolezza nei giovani. È importante lavorare per equilibrare, come fanno gli influencer che parlano delle esperienze belle e brutte che hanno vissuto. 

Chaty La Torre, invece, ci ha parlato dei ruoli che hanno gli influencer nella sostenibilità, infatti, ha descritto i social come “vettori”, perché trasportano informazioni e diffondono disinformazioni tra giovani. 

Simonetta Giordani, si è concentrata sull’agenda 2030 e ha portato alcuni dati che sono dei risultati della domanda “come i ragazzi si associano alla sostenibilità?” posta a studenti universitari. Il 50% percento degli studenti si informa su Instagram o su altri social media e tra gli influencer più seguiti vediamo al primo posto Leonardo DiCaprio e Grata Thunberg. Il dato più preoccupante è quello che indica i giovani che non si informano per niente costituiscono infatti il 13%. Oggi è importantissimo informarsi, infatti, la cultura è portavoce delle informazioni che porta la contemporaneità. 

Successivamente, Arianna Mosca ha spiegato la comunicazione nelle aziende, il primo passo è essere sostenibili e realizzare la sostenibilità all’interno dell’impresa. Come seconda azione bisogna definirsi una fonte attendibile, è importante quindi la distintività. 

Come ultimo intervento, ha parlato Roberto Natale che ha spiegato quanto sia importante informare attraverso la Rai, il pubblico da coprire è vasto, ma bisogna puntare ai giovani perché saranno coloro che dovranno assicurare un mondo sicuro per le generazioni successive. 

In conclusione, è importante informarsi sulla sostenibilità perché è il futuro delle prossime generazioni ed è il fondamento per un mondo più naturale.

Rebecca Villani



Il Salice

Il “Salice” nasce nel 1985. Negli ultimi sette anni sono stati pubblicati più di 2000 articoli online.


Contattaci



In Evidenza

21 Luglio 2024
20 Luglio 2024
20 Luglio 2024

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsaliceweb.liceovalsalice.it/cookie-policy. Per maggiori informazioni leggi la nostra Privacy Policy.

Chiudi