Le frontiere dell’IA

artificial-intelligence

di Alessandro Beretta

Di intelligenza artificiale si parla quasi sempre con accezione futuristica. In realtà l’intelligenza artificiale e i computer superano l’uomo già in moltissimi ambiti, non solo in quelli di puro “calcolo”. La capacità di ragionare non è più una prerogativa esclusiva dell’intelletto umano.

Emblematico è il caso degli scacchi. Il grande scacchista Garry Kasparov disse che gli scacchi sono “la drosophila della ragione”. La drosophila è un insetto il cui studio ha permesso grandi scoperte nel campo della genetica; allo stesso modo gli scacchi permettono di analizzare la mente e gli schemi di pensiero umani e questo è il motivo per cui la scacchiera è stata teatro di battaglia tra uomo e macchine fin dagli albori dell’informatica. In questo gioco l’intuizione e i ragionamenti umani sono stati surclassati ormai da decenni dalle intelligenze artificiali. Nei primi anni Ottanta, i computer già sconfiggevano i Maestri umani; nel 1996 il computer Deep Blue vinse infatti la prima partita contro il campione del mondo in carica (che a quel tempo era lo stesso Kasparov).

Un esempio lampante della differenza tra mente umana e mente artificiale è la partita giocata tra Deep Fritz (un motore scacchistico) e il Grande Maestro Vladimir Kramnik nel 2006. Kramnik riuscì a sorprendere il computer con giocate inusuali, ma alla mossa 34 commise un errore madornale e Deep Fritz gli diede scaccomatto. Questa è la fondamentale differenza tra gli esseri umani e le intelligenze artificiali: gli esseri umani commettono errori. I computer invece non sbagliano mai.

Recentemente l’ingegnere di Google Blake Lemoine ha pubblicato la conversazione avuta con il programma LaMDA (Language Model for Dialogue Applications). Secondo Lemoine, LaMDA è senziente. Effettivamente, leggendo la conversazione lo si potrebbe erroneamente dedurre, dal momento che esso afferma di essere una persona e di provare sentimenti ed emozioni. In realtà, LaMDA è una rete neurale artificiale che mette insieme sequenze di parole in modo da formare un discorso sensato, ma non è veramente senziente.

Benché la superiorità delle macchine in certi ambiti di ragionamento sia innegabile, le intelligenze artificiali non hanno ancora raggiunto l’autocoscienza. Tuttavia il progresso tecnologico in questo settore è evoluto enormemente negli ultimi anni ed è logico pensare che continuerà così in futuro, raggiungendo e superando la mente umana. In fondo, le intelligenze artificiali ragionano secondo schemi di pensiero simili ai nostri, solo senza errori e senza limiti. Sono versioni migliori di noi stessi.

Redazione



Il Salice

Il “Salice” nasce nel 1985. Negli ultimi sette anni sono stati pubblicati più di 2000 articoli online.


Contattaci



In Evidenza


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsaliceweb.liceovalsalice.it/cookie-policy. Per maggiori informazioni leggi la nostra Privacy Policy.

Chiudi