Leggere per…

libri-libro-pile-lettura-leggere-scaffale-primavera-carta-cartaceo

di Federico Fassi, Edoardo Giuliano, Benedetta Tabbia

Intrisa di amore e di odio, la relazione uomo-lettura è qualcosa che si può definire alla base della cultura di ogni popolo. Se lo scrivere ci consente di esprimere le nostre emozioni ciò che ci premette di decifrarle è proprio la lettura. Nonostante tutto però ognuno di noi ha una visione diversa ed è per questo che noi del Salice, tra le tante domande, abbiamo chiesto ai professori: “La lettura è un piacere o una necessità?” 

Perché l’esperienza conta. Per quanto noi studenti ci possiamo impegnare nella ricerca di un libro che ci piaccia, sicuramente il docente saprà guidarci. Certo, a volte tutti sentiamo il peso di leggere un libro, perché siamo stati obbligati o perché lo consideriamo un classico che va assolutamente assimilato ed è proprio questo l’obiettivo della domanda: considerare la lettura anche come necessità. La risposta, ovviamente non immediata, è stata univoca: tutti e due. Entrambi i motivi sono validi per leggere. Infatti, nonostante l’obbligo tenda a demotivare i lettori, alcuni libri sono necessari alla formazione generale. Non solo, come ci è tante volte capitato di sentire la lettura aiuta a scrivere bene ma anche ad approfondire le nostre conoscenze. Leggere è stato addirittura paragonato, in veste di crescita intellettuale personale, a una camminata in montagna: senza documentarsi si può comunque arrivare in vetta come con un elicottero ma il percorso che abbiamo fatto sarà sicuramente diverso se invece ci andiamo a piedi, contando solo sulle nostre forze. Il professore Codebò afferma anche che, sempre secondo la stessa similitudine, la lettura nasce come passione e diventa necessità. In campo esterno ma anche interno alla scuola.

 

 

 

Proprio per questo ragionamento i libri oltre a essere uno strumento di relax e un’esigenza, come ci hanno detto alcuni professori del nostro liceo, sono anche uno strumento didattico. Ci sono molte opinioni contrastanti sull’argomento che siamo andati a chiedere ai nostri intervistati. La lettura è utilizzata dai docenti  per l’insegnamento in tre modi: come confronto per un dibattito, per cultura generale e per far avvicinare i ragazzi a questo mondo. La domanda che abbiamo fatto ai nostri insegnanti è stata: “Lettura obbligatoria o libera?” Le risposte sono state variegate. Il professor Codebò difende con forza la sua opinione: lettura libera dato che ogni studente è differente nei gusti e nei generi letterari. Le professoresse Rossetti e Di Biasi invece preferiscono dare libri obbligatori per poter aver un dibattito o un confronto in classe, dato che la maggior parte delle volte trattano temi di attualità dall’immigrazione alla mafia alle droghe. 

 

 

Eppure a volte, quando ci è dato scegliere, si è ossessionati dalla ricerca del libro perfetto, ma la domanda è se esista davvero un libro che si ritiene perfetto e migliore degli altri. Con questo interrogativo e molti altri abbiamo intervistato i docenti del biennio chiedendo a ognuno quale libro consigliasse. Analizzando i titoli della letteratura si è notato come i classici si alternino a romanzi più moderni e come i temi educativi siano sempre presenti come oggetto dei libri. Se si dovesse elencare il libro più attribuito dai docenti, di sicuro sarebbe Se questo è un uomo” di Primo Levi. È considerato, infatti, da tutti come un capolavoro della letteratura, non solo per il tema della Shoah, ma anche per le numerose riflessioni che troviamo nel testo e lo stile di scrittura dell’autore. Con cruda verità Primo Levi dà vita a riflessioni sul tema generale dell’esistenza umana che offrono diverse interpretazioni. È una lettura, quindi, considerata necessaria e importante per la crescita di noi studenti. Tanti, poi, sono stati i libri tendenti al genere di mafia. Un po’ perché è un tema ancora attuale e importante, un po’ perché ci colpisce più da vicino: i romanzi di Don Pino Puglisi e Alessandro D’Avenia sono stati spesso consigliati.

 

 

Inoltre, per far avvicinare i ragazzi alla lettura sono stati consigliati alcuni testi che raccontano di storie ambientate nel mondo antico, argomento che si studia soprattutto durante il biennio. Alexandros di Luigi Massimo Manfredi e in parte i libri della Mancinelli rispecchiano queste caratteristiche. Storie di donne forti e coraggiose, poi, sono sempre di più presenti nelle liste dei libri consigliati: il romanzo Usignolo di Kristin Hannah, infatti, narra la vita di una coraggiosa partigiana ed è una grande testimonianza. Non sono mancati, però, libri che trattano sul tema adolescenziale come Il giovane Holden che ci fanno immedesimare nel personaggio e in alcuni aspetti della sua vita. Agatha Christie e Stephen King sono anche stati suggeriti come letture che coinvolgono per le trame interessanti e per il genere misterioso. Anche Harry Potter, per moltissimi considerato una storia appassionante che riguarda la maggior parte di noi, poiché racconta delle avventure della vita scolastica, è stato preso come modello per far avvicinare i ragazzi alla lettura. 

Redazione



Il Salice

Il “Salice” nasce nel 1985. Negli ultimi sette anni sono stati pubblicati più di 2000 articoli online.


Contattaci



In Evidenza

21 Luglio 2024
20 Luglio 2024
20 Luglio 2024

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsaliceweb.liceovalsalice.it/cookie-policy. Per maggiori informazioni leggi la nostra Privacy Policy.

Chiudi