Chi studia Marx trova lavoro

162628278-25e4d377-fbd9-4bec-9a21-84f5c92350d2

di Luisa Gossi

In Cina il presidente Xi Jinping, che si prepara a inaugurare il terzo mandato, ha mostrato particolare interesse nel far riemergere la cultura marxista. In teoria il marxismo sarebbe l’ideologia diffusa in Cina, in pratica la maggior parte della popolazione giovane non lo conosce.

I due predecessori del presidente Xi Jinping, Deng e Jiang Zemin, hanno sempre portato avanti una politica i cui slogan più celebri erano “diventare ricchi è glorioso”  e avevano incentivato pubblicamente l’ingresso degli individui d’affari del settore privato nel Partito Comunista.

Invece il nuovo  presidente ha settato come nuova priorità il volere guidare un nuovo periodo  più rigido sotto il punto di vista ideologico. L’inizio di una fase nella quale si darà maggiore importanza alla “prosperità comune” e minore rilevanza al settore privato, e si cercherà di diminuire l’enorme divario tra la popolazione ricca e quella povera.

Le critiche sollevate da parte dei giovani su questo metodo e modello economico e sociale,  sono state soppresse e ignorate. Essi sostenevano come il marxismo si collegasse ai maggiori abusi  sul lavoro, ambito nel quale lo stato cinese tende a non porre attenzione.

Secondo un’analisi dell’Internazionale l’inizio della diffusione della cultura marxista nel campo lavorativo è cominciato nel 2018 attraverso una circolare emanata dal governo. Il ministero dell’istruzione “consigliava all’università di assumerne un docente di marxismo ogni 350 studenti”. Con il  risultato che dal 2018 a oggigiorno i docenti universitari di “ideologica e politica” siano aumentati del 60%. In Cina la disoccupazione giovanile ha raggiunto il picco storico del 18,4% e in aggiunta  si sono ridotte le offerte di lavoro. Ma nonostante ciò i salari e vantaggi di cui godono  coloro laureati in marxismo sono sempre maggiori e stanno raggiungendo i livelli delle lauree più prestigiose.

La diffusione di tale fenomeno inizia dalle più tenere età fino ad arrivare nelle aziende dei privati, che assumono laureati in marxismo nel tentativo di dimostrare la loro lealtà al partito, e far si che la politica interna sia in linea con le regole ufficiali del partito e non rischiare mai di favorire idee contrarie.

Paolo Accossato



Il Salice

Il “Salice” nasce nel 1985. Negli ultimi sette anni sono stati pubblicati più di 2000 articoli online.


Contattaci


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsaliceweb.liceovalsalice.it/cookie-policy. Per maggiori informazioni leggi la nostra Privacy Policy.

Chiudi